200 anni di Villa Brambilla

Dal 15/03/2018 al 21/10/2018, Castellanza, Varese

Ricorre quest’anno il Bicentenario (1818–2018) del completamento di Villa Brambilla di Castellanza, eretta per volere di Cesare Brambilla (1768-1830) dall’ingegnere architetto Pietro Pestagalli (1776-1853).

Questo bene culturale – attuale sede municipale – rappresenta un luogo identitario per la città di Castellanza. Infatti, esso attesta il passato agricolo del borgo, i suoi legami con il patriziato milanese, le trasformazioni prodotte sul territorio dalla rivoluzione industriale, le aspirazioni dei politici locali nell’Italia di primo Novecento.

L’anniversario può contribuire alla riscoperta da parte della cittadinanza e di un pubblico più vasto del valore culturale che l’edificio possiede. Infatti esso s’inserisce pienamente nella rete di cantieri – periferici per collocazione, ma rilevanti per le personalità che vi lavorarono – che caratterizzò la grande stagione del Neoclassicismo lombardo.

Il progetto di valorizzazione della Villa trova la sua origine nel recente saggio dello storico dell’arte Davide Tarlazzi – D. TARLAZZI, Villa Brambilla di Castellanza: il cantiere di Pietro Pestagalli e gli interventi di Paolo Santagostino, Gaetano Vaccani, Gaetano Monti da Ravenna e altri, «Arte Lombarda», 178 (2016), pp. 77-90 – in cui si fissa la cronologia del cantiere, si chiarisce definitivamente la questione della paternità dell’immobile e si precisano per la prima volta i profili degli artisti che concorsero alla campagna decorativa degli interni.

Per maggiori informazioni, consulta il programma e i documenti in allegato.

 

 

Galleria dei grandi.

 

Sala da pranzo.

 

Volta del Salone di Bacco e Cerere.

 

Camera di Giove e Giunone.

 

Atrio.

 

 

 

Media Gallery

Immagine
precedente
Immagine
successiva
Fullscreen

Restiamo in contatto

Ricevi la newsletter per essere sempre aggiornato sull’Agenda italiana.